martedì 17 dicembre 2013

Natale al VERDE - Pot-pourri natalizio

Terzo appuntamento di Natale al VERDE.


Ho già spiegato in questo post come creare un pot-pourri con i fiori estivi. Anche l'inverno però regala delle piccole cose che possono essere sfruttate per decorare la casa. Visto che mancano meno di due settimane a Natale, ho pensato di preparare un pot-pourri "natalizio", con elementi naturali tipici o facilmente reperibili nella stagione fredda.
Munitevi di buccia di lime e di mandarino (o altro agrume, a seconda del colore che preferite); rametti di cipresso, bacche di cipresso, qualche lime intero; capolini di fiori secchi che il vostro giardino potrebbe ancora offrirvi.


Ricavate delle forme circolari dalle bucce di mandarino, meglio se appena sbucciate e quindi ancora morbide. Per ritagliarle, io ho usato come "stampo" dei tappi di bottiglia di profumo. Dalle bucce di lime, invece, ho ricavato delle piccole stelle verdi. Fate asciugare su un pezzo di carta assorbente sopra il termosifone, giusto mezza giornata. Non di più, altrimenti anneriscono.


Fatele asciugare all'aria le bacche di cipresso per qualche giorno. Perdendo umidità si apriranno, facendo uscire tantissimi semi. Rimuoveteli, eventualmente con l'aiuto di un bastoncino o la lama di una forbice. Recidete anche dei rametti frondosi per dare volume al pot-pourri.

Tagliate a fettine sottili i lime (ma potreste usare anche dei limoni). Metteteli ad asciugare su un tovagliolo di carta, per un paio di giorni, sempre su un termosifone (di luce solare adesso ce n'è gran poca...). Più sottili saranno le fettine, meglio e prima seccheranno. Potete usare anche agrumi non freschissimi, ma non troppo vecchi, perchè la polpa non seccherebbe in modo uniforme e con un bell'aspetto come nei frutti più freschi. Durante la prima giornata di asciugatura, girate le fettine spesso, perchè non si attacchino alla carta.



Siccome ormai sono una pot-pourraia, a settembre ho raccolto e conservato dei capolini di eringio. Tondi e simpatici. Li ho aggiunti al pot-pourri.


Miscelate tutti i componenti e, per una decina di giorni, conservateli in un barattolo di vetro o di latta con almeno 20-30 gocce di essenza profumata. Vi conviene sceglierne una naturale (chiedete in erboristeria), perchè è meno probabile che irriti le vie respiratorie. Le fragranze più gradite nel periodo natalizio sono quelle alla cannella e agli agrumi. Un profumo però che mette un po' tutti d'accordo, rinfresca la casa senza essere invadente e giova alla gola, è quello alla menta piperita.


Passati i dieci giorni (o anche più), non vi resta che scegliere il contenitore in cui custodire il vostro pot-pourri. Io ho optato per un vaso di cristallo con coperchio, che fa intravedere i colori del contenuto. Non garantirà profumo a lungo perchè non è sigillato, ma lo farà durare almeno quei quindici giorni delle festività, quando la casa sarà frequentata dai parenti. Sarà comunque possibile aggiungere altre gocce di essenza, all'occorrenza. 


Un consiglio: versate nel vaso prima i componenti più grandi del pot-pourri, tipo i rametti di cipresso, e poi i più piccoli, come i pallini di mandarino e i glitter, perchè tendono a scivolare sul fondo e non li si vede più.



Siccome questo è un post per Natale al Verde, se non avete un vaso di cristallo, nè altro vaso di pregiata fattura, prendete un comunissimo vaso da marmellata, togliete il coperchio, fate un giro di spago bicolore, e vedrete che effetto!





Anche meglio del vaso di cristallo:




Nel coperchio ho messo una candela: molto carina, fotografando a momenti prendevo fuoco.




Potete personalizzare aggiungendo glitter oro o argento, o di altro colore natalizio.

P.S. del 06/01/2013: una piccola puntualizzazione.  Se usate un contenitore ben sigillato, prima di aggiungerli, fate un po' seccare anche i rametti di cipresso, percheèpotrebbero trasmettere umidità alle altre componenti del pot pourri. Se il contenitore invece è aperto, questa precauzione non è necessaria.

Questo post partecipa all'iniziativa promossa da Aboutgarden, L'ortodimichelle e GiatoSalò
Natale al  VERDE!


In linea con il periodo che stiamo vivendo, la creatività è di scena con le inedite e originali proposte di tanti blogger per un progetto davvero al passo con i tempi!
Partecipano con me:
Le passioni di Antonella
Letto e mangiato


Puoi sfogliare e pinnare tutte le immagini dell'iniziativa nella board dedicata al Natale al VERDE in Pinterest
Main sponsor dell'iniziativa:


17 commenti:

  1. Sicuramente sarà un mio dono per Natale
    Grazie

    RispondiElimina
  2. Bello questo pot-pourri natalizio, ottima idea!
    Su

    RispondiElimina
  3. passione comune quella per il pot-pourri...mi piace molto questa tua originale versione natalizia!

    RispondiElimina
  4. Questi sono i doni che amo ricevere!

    RispondiElimina
  5. Hai sempre delle idee stupende Marta!
    Ma come fa ad essere così creativa?
    Prima o poi copio anche questa...
    Domenica ho colorato con lo smalto le pignette degli ontani e le ho messe sull'albero e mi piacciono molto, grazie della dritta!

    RispondiElimina
  6. pot-pourraia è bellissimo, così come la tua idea per il nostro Natale al VERDE!!!
    grazie
    simonetta

    RispondiElimina
  7. Grazie a tutti per essere passati di qui!

    RispondiElimina
  8. Spiegato benissimo e nei minimi dettagli, era tanto che volevo provare a farme uno!
    grazie
    Lisa

    RispondiElimina
  9. Uhm quanto mi piace! Sento il profumo di buono e di Natale sin da qui!
    Antonella

    RispondiElimina
  10. sento il rpfumino fino a qui! bellissima anche come idea regalo, è vero! un bacione

    RispondiElimina
  11. Troppo gentili, grazie ragazze.

    RispondiElimina
  12. ciao, complimenti per il blog. Questa composizione, poi, è molto bella. Se la metto in un sacchetto mi profuma un armadio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le essenze profumate per pot purri sono unte, in quanto costituite da oli. C'è il rischio che trapassino il sacchettino (se è di tessuto) e macchino l'armadio e i vestiti! Ti conviene ricorrere alle carte e ai profumatori per armadi. Oppure potresti provare a mettere il pot pourri in un barattolo ben sigillato con dei buchetti nel coperchio. Ma attenta che non si rovesci!

      Elimina
  13. ...meraviglioso..! e grazie per le tue spiegazioni così esaustive!
    Bentrovata (grazie a Simonetta :-)))
    Mug

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Barbara, troppo gentile!

      Elimina

A causa di troppi messaggi spam, ho dovuto impedire i commenti di anonimi.